Zaha Hadid scelta dal Giappone per il National Stadium

| 20 novembre 2012 | 0 Commenti

Manca quasi un anno all’assegnazione ufficiale della città ospitante delle Olimpiadi 2020, ma c’è già una certezza “illustre” riguardo a una delle proposte in gara. Il Japan Sports Council, che gestisce e promuove la candidatura per Tokyo, ha scelto il progetto firmato dal megastudio Zaha Hadid Architects per il nuovo National Stadium of Japan.

Una struttura da 80 mila posti, che andrà a sostituire l’esistente Kasumigaoka National Stadium, e che potrebbe diventare la location principale dei Giochi, se il Giappone dovesse essere scelto come Paese ospitante dal Comitato olimpico, contro gli altri “contendenti”: Madrid e Istanbul.

Il progetto della Hadid ha superato altri dieci contendenti, tra le quali spiccavano anche altri nomi “di lusso”, come gli inglesi Populous, gli olandesi UNStudio e lo studio del giapponese Toyo Ito. La giuria del Council ha assegnato un secondo posto al progetto dello studio australiano Cox Architecture e il terzo a quello di Sanaa + Nikken Sekkei. Tutti i progetti finalisti sono consultabili sul sito del Japan Sports Council.

Categoria: news

Lascia un commento

devi essere registrato per commentare.