Un hotel green per la World Cup 2014

| 13 aprile 2012 | 0 Commenti

L’Aliah Project ideato da Hiperstudio + Arkiz

In vista della World Cup 2014, che si svolgerà in Brasile, l’équipe di architetti Hiperstudio + Arkiz ha progettato l’Aliah Project, un hotel ideato secondo i principi della sostenibilità, giunto al primo posto al concorso internazionale indetto ad Aliah, una compagnia che promuove lo sviluppo di strutture e pratiche green con un impatto socia-ambientale positivo.

Un complesso d’accoglienza extra lusso e un modello di architettura sostenibile che promuove anche concetti innovativi e uno stile di vita green: questa è la formula vincente di Hiperstudio + Arkiz. In primo luogo, l’hotel è concepito come un luogo dove l’uomo possa riavvicinarsi alla natura, è il paesaggio infatti il protagonista, che induce gli ospiti ad adottare un nuovo atteggiamento e nuove abitudini: camminare, meditare e contemplare.

Su questi presupposti è stato disegnato un belvedere, che rappresenta il concept del progetto. Questo belvedere o piazza è situato all’accesso alla struttura, con una funzione importante a livello visivo e percettivo, invitando chi arriva a scoprire il resto.

Il complesso strutturale è stato posizionato lungo un asse longitudinale di una cresta, in modo tale da poter sfruttare le possibilità panoramiche offerte dall’altezza. L’analisi approfondita di questa regione è testimoniata dalla maniera in cui l’edificio interagisce con il suolo. L’architettura raggiunge i suoi massimi livelli di sostenibilità.

I larghi corridoi che separano le camere dell’hotel confluiscono in un ampio patio dal tetto di foglie, che enfatizza la presenza della vegetazione.

Fonte: tecnici.it

Categoria: idee

Lascia un commento

devi essere registrato per commentare.