Think Blue Beetle: un Maggiolino fatto con materiali riciclati

| 28 marzo 2012 | 0 Commenti


Un maggiolino tutto matto, o meglio tutto riciclato. Volkswagen, recentemente bollata da Greenpeace come una delle case automobilistiche meno attente all’ambiente e che maggiormente contribuiscono in negativo ai cambiamenti climatici, sembra ora essere particolarmente impegnata nella ricostruzione della propria immagine, con campagne pubblicitarie che si tingono di verde (anzi, di blu), non mancando di destare sospetti in merito ad una svolta tanto repentina.

Per promuovere la campagna “Think Blue”, Volkswagen ha pensato di fare realizzare ad un esperto artista una riproduzione a grandezza naturale del proprio celebre Maggiolino, utilizzando unicamente materiali di scarto. I materiali di recupero impiegati per ricostruire “Think Blue Beetle” comprendono oltre 2800 pezzi, suddivisi tra tappi di bottiglia, candele d’accensione, audiocassette, lattine, parti provenienti da vecchi computer ed hard disk, schede madri, biro, monitor, cavi telefonici e tasti delle macchine da scrivere.

Il Maggiolino “riciclato” conferma ancora una volta che molti oggetti apparentemente inutili possono rivelarsi piacevolmente riutilizzabili e intende porre l’accento proprio sulla cultura del riciclo da sempre sottovalutata nei paesi occidentali.

La Think Blue Beetle è attualmente in mostra presso il Kala Ghoda Arts Festival a Mumbai, dove rimarrà fino al 12 febbraio.

Fonte: Inhabitat

Categoria: news

Lascia un commento

devi essere registrato per commentare.