Sud in dirittura arrivo bando Smart City

| 28 aprile 2012 | 0 Commenti

E’ in dirittura di arrivo il bando Smart City & Communities, un grande progetto nazionale sulle ‘città intelligenti’ che parte dal Mezzogiorno. Ad aprile il ministro dell’Istruzione e ricerca, Francesco Profumo, ha illustrato il bando in un ‘road show’ che lo ha portato a visitare Calabria, Campania, Puglia, Sicilia (le quattro regioni dell’obiettivo Convergenza’ interessate dal Poi Energia), Basilicata ed Abruzzo. A Napoli, L’Aquila, Bari, Matera, Reggio Calabria e Catania il Ministro ha spiegato che il bando sulle ‘comunità intelligenti’ e’ una grande opportunità per avviare un processo di modernizzazione del Paese, che passa dalla domanda dei servizi dei cittadini. Le risorse sono molte, 200 milioni di euro più 40milioni aggiuntivi riservati a progetti per i giovani verso i quali c’e’ grande attenzione. Partendo dal sud sono stati individuati otto settori ritenuti prioritari: scuola, sanità, mobilità, governo, energia, ambiente, turismo e cultura. Ciascuna regione ha individuato due priorità in base alle quali verranno investite le risorse in modo che si possano replicare progetti in altre regioni. Il bando per le quattro regioni dell’obiettivo convergenza (al quale possono partecipare anche Sardegna, Basilicata, Molise e Abruzzo con altri 70 milioni di euro messi direttamente a disposizione dalle Regioni) scade il 30 aprile. A seguire se ne aggiungerà un altro, prima dell’estate, che sarà rivolto con 12 priorità alle regioni del centro nord ed avrà una dotazione di 700 mln di euro.

Il Progetto Smart Cities rientra nel più ampio programma europeo denominato ‘Investing in the development of low carbon technologies’. Il piano strategico delle tecnologie energetiche dell’Unione Europea si propone di stabilire le linee guida e i traguardi delle politiche energetiche, con particolare attenzione allo sviluppo e alla circolazione delle migliori tecnologie energetiche sostenibili tra i paesi comunitari. Secondo la Commissione Europea, l’attività per le Smart Cities si deve concentrare sul rinnovamento dei vecchi edifici e sulla costruzione di nuovi che siano in grado di restituire energia (Energy Positive Building), sul riscaldamento e sul condizionamento, sull’elettricità (Smart Grids, contatori intelligenti, elettrodomestici intelligenti e fonti rinnovabili) e sui trasporti (mobilità elettrica privata, porti verdi, ecc). E sul percorso che sta portando le città italiane a candidarsi ad essere una smart city un ruolo decisivo lo sta giocando il ‘Patto dei Sindaci’: un’iniziativa europea ambiziosa che impegna le città (tra i firmatari del patto ci sono Bari, Napoli, Palermo e Reggio Calabria) nella lotta contro il cambiamento climatico spingendo alla creazione di Piani di Azione per l’Energia Sostenibile (Seap), che devono implementare l’efficienza energetica e le azioni per la promozione dell’energia rinnovabile nei settori privati e pubblici delle comunità. La Puglia, con Calabria, Campania e Sicilia, fa parte delle quattro regioni dell’obiettivo ‘Convergenza’ interessate dal Programma operativo interregionale (Poi) energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013, diretto ad incrementare la quota di energia consumata proveniente da fonti rinnovabili e migliorare l’efficienza ed il risparmio energetico, promuovendo opportunità di sviluppo locale e valorizzando i collegamenti tra produzione di energie rinnovabili, efficientamento e tessuto sociale ed economico.

Fonte: Ansa

Categoria: Bandi e Concorsi, Green Action

Lascia un commento

devi essere registrato per commentare.