Nelle città sostenibili la soluzione alla crisi economica

| 9 aprile 2013 | 0 Commenti

em0Si svolgerá a Ginevra dal 17 al 19 aprile la settima edizione della Conferenza Europea delle Cittá Sostenibili, dal titolo “Un’economia ecologicamente e socialmente responsabile: una soluzione alla crisi?”. La conferenza è dedicata al rapporto tra finanza e amministrazioni pubbliche nell’ottica del raggiungimento di uno sviluppo sostenibile in grado di rispondere efficacemente alle attuali crisi finanziarie ed ecologiche. In questo quadro la cittá di Ginevra ha organizzato una sessione speciale per i Sindaci ed Assessori delle Cittá europee sostenibili, il 17 aprile, presso il Quartiere Generale delle Nazioni Unite, che prevede un dibattito sul finanziamento dei servizi pubblici in tempo di crisi. Nel dell’evento, sono in programma interventi di relatori di fama internazionale presso Centre International de Confèrence Genève. I partecipanti avranno l’occasione di scambiare esperienze e confrontare ‘best practice’ in materia di sviluppo sostenibile. Sono attesi oltre 1.000 partecipanti tra rappresentanti delle autoritá locali e nazionali, delle istituzioni europee e delle Nazioni Unite, Ong, imprese, istituzioni scientifiche e organismi di ricerca e di sviluppo di tutta Europa.

“Le nuove politiche urbane stanno diventando un trampolino per le politiche d’uscita dalla crisi. – ha detto Andrea Poggio, Vicedirettore Legambiente Onlus, che domani, giovedì 4 aprile, presenterà alla Feltrinelli di Varese il suo volume “Le città sostenibili – la Commissione europea sta proponendo il tema dello sviluppo degli ecoquartieri come centrale nelle politiche urbane e nelle linee di finanziamento 2014-2018. La rigenerazione urbana, la ricostruzione in qualità, i quartieri a zero energia e zero emissioni sostituiscono, persino nella speranza degli imprenditori, la speculazione immobiliare del decennio scorso. Nell’Italia dell’abusivismo edilizio è una doppia rivoluzione culturale”.

Fonte: www.zeroemission.eu

Categoria: news

Lascia un commento

devi essere registrato per commentare.